Alberto Flores D’Arcais

Nato a Roma l’11 Febbraio 1951. Laureato in filosofia con 110 e lode all’Università di Roma, ha iniziato a scrivere  per giornali e riviste a metà degli anni Settanta (La Città Futura, il Manifestol’Europeo). Nel 1980 è stato caporedattore del mensile Frigidaire e nel 1981 ha iniziato a lavorare a La Repubblica.

Nel quotidiano diretto da Eugenio Scalfari si è occupato soprattutto di politica estera. È stato nel corso degli anni caposervizio, inviato speciale, caporedattore Esteri, editorialista e corrispondente degli Stati Uniti.

Dagli anni Ottanta, ha seguito il crollo delle dittature, le guerre civili e la lotta al narcotraffico in America Latina, le tensioni in Medio Oriente con diverse permanenze in Israele, la guerra nei Balcani, la ‘primavera’ araba. Nel biennio 1991-1992 è stato inviato speciale a Mosca per raccontare il crollo dell’Unione Sovietica e la nascita della nuova Russia.

Ha intervistato leader mondiali (fra gli altri Bill Clinton, George W. Bush, Hillary Clinton, il Cancellerie tedesco Schroeder, il presidente egiziano Hosni Mubarak, il presidente iraniano Mohammad Katamy), personalità della cultura, del mondo dello spettacolo, delle nuove tecnologie.

In questi ultimi anni ha vissuto tra New York e Roma, continuando a collaborare con la Repubblica, con il settimanale l’Espresso, con La Stampa, Grazia e come editorialista dei giornali locali del gruppo Gedi.

Nel 2002 ha ottenuto la John S. Knight Fellowship per il giornalismo dell’Università di Stanford in California. È autore del libro ‘New York’ (Giunti, 2007).